in

ORE DI ANGOSCIA PER JULEN IL BAMBINO CADUTO NEL POZZO. CALCOLI SBAGLIATI.

Malaga, 22 gennaio 2019 – Si stanno perdendo le speranze. Siamo arrivati al nono giorno, non è ancora stata avviata  la fase terminale per recuperare Julen, il piccolo di 24 mesi caduto accidentalmente in un pozzo la scorsa domenica a Malaga, in Spagna. Le ultime notizie sono sempre più deludenti, anche a fine giornata era stato dichiarato ultimato il tunnel parallelo, che per un errore di calcolo hanno dovuto scavare di nuovo. Da ieri – i soccorritori hanno dovuto scavare ancora per allargarlo in quanto i tubi di metallo utili al rivestimento della galleria erano troppo grandi” rispetto alla galleria stessa. Le speranze di poter trovare il bambino ancora in vita diminuiscono appunto per questi ritardi.

Finalmente terminati gli scavi alla galleria, oggi dovrebbero calarvisi all’interno del secondo pozzo, i minatori e scavare una galleria che collega i due pozzi così giungere dove si trova Julen. Operazione che dovrebbe durare molto meno di 24 ore. Comunicazione dei soccorritori. Obbligatorio l’uso del condizionale, perché le complicazioni nei lavori e i problemi a scavare quel terreno franoso e a tratti duro hanno comportato troppi di ritardi nelle operazioni di salvataggio di Julen. I soccorritori oltre ad avere difficoltà nei lavori di scavo, non sono del tutto certi di trovare il piccolo in quel punto, prestabilito, e se dovesse essere un altro il punto saranno obbligati a continuare a scavare ancora.

Servirebbe un miracolo con tutte le preghiere di questo mondo. Sui social commenti spaventosi sulla bassa probabilità di poter trovare ancora in vita il piccolo Julien. Una caduta di 107 metri, paragonabili all’altezza di un palazzo di 35 piani, un diametro di 25 centimetri, la fragilità della sua tenera età, nove giorni ormai trascorsi, lasciano cadere le speranze. L’obiettivo dei soccorritori è di non fermarsi un istante e di trovare il piccolo e restituirlo ai genitori che dal primo momento non hanno mai smesso di sperare. “Sappiamo che è vivo, un angelo sta aiutando il nostro Julen”, ha detto qualche giorno fa il padre. Il riferimento all’angelo è al loro secondo figlio, morto nel 2017 per un infarto cardiaco alla sola età di tre anni.  CHE DIO LO AIUTI!

L’amore quello vero… bellissime parole di Lino Banfi

“TI MERITI UN AMORE” bellissima poesia di Frida Kahlo.